FAQ

Le vostre domande - le risposte degli esperti


In che modo TRILUX assicura l'alta qualità e la soddisfazione delle norme specifiche per i suoi innovativi apparecchi per ambienti umidi?

In TRILUX concentriamo le nostre conoscenze e know-how specialistico in materia di ricerca e sviluppo nella divisione per l'innovazione e le tecnologie (ITZ). Qui abbiamo, fra l'altro, a disposizione più laboratori con molte strutture specifiche per lo svolgimento di test che ci permettono di controllare illuminotecnica, compatibilità elettromagnetica, acustica, sicurezza e performance. Nel corso dello sviluppo di un prodotto, eseguiamo in modo mirato misurazioni e test al fine di assicurare, già nel corso del processo di sviluppo, che i nostri apparecchi soddisfino la normativa legale in materia. Nell'ambito del nostro Design Validation Plan eseguiamo ad esempio dodici test di compatibilità elettromagnetica nei quali misuriamo ad es. le correnti armoniche sulla rete di alimentazione, l'immunità alle tensioni impulsive e le emissioni.

In altri venti test verifichiamo gli apparecchi in merito ad aspetti rilevanti per la sicurezza, come il grado di riscaldamento, la protezione contro le scariche elettriche, la rigidità dielettrica, la stabilità meccanica o la resistenza alla polvere e agli schizzi d'acqua. Naturalmente sottoponiamo a controlli molto accurati anche l'illuminotecnica verificando il flusso luminoso, la distribuzione della luce, la resa cromatica o l'efficienza energetica dei prodotti. Addirittura sono esaminate anche le proprietà acustiche dei sistemi. Se si sommano tutti i singoli test, si arriva a circa 50 prove eseguite nell'arco di circa due mesi. In questo modo possiamo accertare non solo l'alta qualità dei nostri apparecchi ma anche la soddisfazione di tutti i requisiti rilevanti per la sicurezza per ogni singolo prodotto e per le sue caratteristiche.

Sigillo di qualità per l'industria alimentare

Nell'ambito della nostra promessa di qualità contrassegniamo, ad esempio, tutti gli apparecchi idonei per un impiego nell'industria alimentare e conformi agli standard HACCP, IFS e BRC con il sigillo TRILUX. Questo certifica la conformità ai più aggiornati e restrittivi standard per prodotti destinati all'impiego in condizioni difficili come quelle riscontrabili nella produzione e nella logistica di generi alimentari.

Quali sono le norme e disposizioni legali da osservare nella progettazione?

Nella progettazione di impianti di illuminazione si è tenuti ad osservare tutta una serie di norme e disposizioni legali. Uno standard importante è, ad esempio, la norma europea EN 12464-1 "Luce e illuminazione - Illuminazione dei posti di lavoro in interni" che stabilisce il livello e la qualità dell'illuminazione necessari per poter svolgere senza problemi i rispettivi compiti visivi. Importanti sono anche le disposizioni del regolamento sui posti di lavoro ASR A3.4 che tengono conto anche dei requisiti in merito alla sicurezza sul lavoro. 

Lo sapevate? La nuova DIN 67528 per parcheggi pubblici ha inseverito ulteriormente i requisiti di illuminazione (ad es. in merito all'uniformità e alla limitazione di riflessi). Per apparecchi come il nostro Aragon Fit LED questo non rappresenta il minimo problema.

Gli apparecchi devono risultare conformi alle direttive e ai regolamenti europei specifici, 

vale a dire alle Direttive dell'Unione europea 2014/30/CE e 2006/95/CE, rispettivamente sulla compatibilità elettromagnetica e la bassa tensione, nonché la Direttiva 2009/125/EG relativa alla progettazione ecocompatibile dei prodotti connessi all'energia e la Direttiva 2011/65/CE sulla restrizione dell’uso di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche. Trattandosi di prodotti con tecnologia radio, va inoltre applicata anche la direttiva UE relativa alla messa a disposizione sul mercato di apparecchiature radio (Direttiva RED) (2014/53/UE)

Nella progettazione di nuove costruzioni e in progetti di ristrutturazione cosa si deve tenere presente?

La scelta di apparecchi idonei nonché il calcolo del quantitativo richiesto e il loro opportuno posizionamento sono fondamentali. Che un apparecchio sia idoneo o meno si può dedurre ad esempio dalle caratteristiche illuminotecniche, dalla temperatura ambiente ammissibile, dalla tensione di alimentazione, dal grado di protezione IP , dalla classe di isolamento elettrico oppure dalla resistenza agli urti e dai materiali con cui è realizzato. Il progettista illuminotecnico, nella progettazione dell'impianto di illuminazione deve naturalmente tenere conto anche dell'uniformità a norma specifica della luce, della limitazione di effetti abbaglianti nonché di possibili effetti abbaglianti dovuti a riflessi su superfici di lavoro e monitor di computer presenti in loco. Inoltre, si dovrà anche determinare il fattore di manutenzione dell'impianto in oggetto. Questo è utile per poter dimensionare l'illuminamento del nuovo impianto in modo da poter compensare l'inevitabile perdita di flusso luminoso entro la fine del periodo di durata utile dell'impianto. Indifferentemente dal fatto che si tratti di una nuova installazione o di una sostituzione di vecchi impianti nel quadro di un progetto di ristrutturazione, per il calcolo illuminotecnico dell'impianto i progettisti dovrebbero utilizzare software specifici come DIALux o RELUX al fine di poter garantire il livello di illuminazione ottimale.

Di cosa si deve tenere conto nell'installazione di apparecchi per ambienti umidi?

A meno che l'impianto non sia stato progettato da uno studio di ingegneria, spetterà al tecnico incaricato all'installazione accertare che esso sia conforme alla norma specifica EN 12464. Noi di TRILUX saremo, in questi casi, molto lieti di essergli personalmente di aiuto offrendogli la nostra ampia gamma di servizi. Questa comprende, ad esempio, programmi di progettazione illuminotecnica gratuiti o anche il "Calcola luce" integrato nel nostro catalogo online. I tecnici di installazione, per i loro lavori, dovranno osservare le disposizioni della normativa DIN VDE 0100. Queste riguardano, ad esempio, i requisiti dell'impianto in merito alla scelta di apparecchi per quanto riguarda la loro temperatura ambiente ammissibile, al valore della tensione di alimentazione, alla sollecitabilità dei punti di fissaggio o al grado di protezione IP e alla classe di isolamento elettrico.   In ambienti con docce e vasche da bagno sono ad esempio richiesti, in determinate zone, degli apparecchi con grado di protezione IPx4, IPx5, IPx6 o IPx7.

Quanto sono affidabili gli apparecchi per ambienti umidi a LED?

Prendiamo, come esempio, Nextrema LED G3. L'apparecchio convince per una durata utile superiore alla media, di ben 85.000 ore di esercizio. Un dato che corrisponde a circa 9,7 anni di lavoro su 3 turni e continua ad avere validità anche ad una temperatura ambiente media di +35° C. Con il calcolatore di durata utile TRILUX si ha la possibilità online di convertire con grande facilità i valori di durata utile e determinare individuali fattori di manutenzione. Nextrema LED G3 arriva inoltre ad un'efficienza energetica massima di 150 lm/W, che è un valore molto alto. Durante questo periodo di durata utile, l'apparecchio è tecnicamente esente da manutenzione e quindi estremamente affidabile ed efficiente. Data l'ottima qualità della sua lavorazione, con il corpo estremamente robusto in alluminio pressofuso, Nextrema LED G3 resiste inoltre a umidità, sporco e temperature comprese tra -30 e +35 °C. L'apparecchio tiene testa a condizioni atmosferiche estreme e, in versione PMMA ad alta resistenza agli UV, è anche idoneo, a seconda dell'applicazione, per un impiego in aree esterne senza tetto prossime ad edifici. Applicazioni per parcheggi coperti e zone per lo scarico di merci con aree interne ed esterne, con Nextrema G3 LED, possono essere quindi realizzate sotto ogni punto di vista. Questo, grazie a soluzioni di illuminazione affidabili e unitarie in aree di varia tipologia realizzate sempre nella nota qualità TRILUX.

L'incasso e la manutenzione degli apparecchi sono causa di interruzioni dell'attività aziendale?

Questo dipende in primo luogo dall'installazione elettrica già esistente in loco, dalle condizioni del locale e dalla nuova soluzione di illuminazione a LED adottata. Fondamentalmente, in fase di sviluppo di nuovi prodotti, prestiamo sempre attenzione alle possibilità di montaggio che richiedono meno tempo. Grazie, ad esempio, alla sua compattezza dimensionale di un metro, alla dima e ai morsetti per il montaggio e al sistema di allacciamento rapido Wieland, Nextrema LED G3 può essere installato in modo particolarmente semplice e veloce. Anche in fase di esercizio, l'apparecchio si distingue per il fatto di essere tecnicamente esente da manutenzione. Se dovesse sporcarsi, basterà pulirlo usando un detergente morbido. 

Disponibili in due lunghezze, 1,20 e 1,50 m, gli apparecchi Oleveon Fit e Aragon Fit, in caso di ristrutturazione di vecchi impianti, saranno in grado di sostituire tutti i sistemi più in uso. L'incasso è facilitato, inoltre, dalla scanalatura di fissaggio allungata. La tecnica di chiusura può fare completamente a meno di morsetti e supporta un montaggio rapido quanto semplice rendendo l'apparecchio particolarmente adatto a progetti di relamping. Un altro vantaggio della soluzione è dato poi dal fatto che non si perdono pezzi singoli e non ci sono elementi in vista con un impatto negativo sul design dell'apparecchio. Grazie all'opzione multi-lumen, Oleveon Fit e Aragon Fit possono essere inoltre adattati in loco, in modo comodo e flessibile, ai rispettivi requisiti di flusso luminoso, ad esempio nel caso che la situazione in cantiere si riveli diversa da quella prevista dal progetto. In via opzionale, Oleveon Fit e Aragon Fit possono essere inoltre integrati in un sistema di gestione della luce. Questo può avvenire nel modo standard tramite un cablaggio DALI comunemente in commercio oppure - grazie all'interfaccia Zigbee di LiveLink - senza fili, tramite connessione radio. In particolare in casi di relamping senza cablaggio DALI precedentemente installato, la soluzione radio sarà un'alternativa interessante e salvatempo. 

Oltre a ciò, offrendo servizi di Energy Monitoring e Light Monitoring, ovvero la lettura di dati di esercizio dell'impianto di illuminazione, permettiamo un'affidabile pianificazione degli intervalli di manutenzione (manutenzione predittiva). Gli incalcolabili e costosi tempi di guasto possono quindi considerarsi sorpassati.

Quale è il supporto che possono dare gli apparecchi ai processi lavorativi sul posto?

Dire luce non basta. Ricerche attuali dimostrano che in ambito industriale, affidandosi ad un'adeguata illuminazione, si può aumentare la produttività fin del 13 % solo migliorando le condizioni di visibilità. La luce rende più vigili e concentrati o consente semplicemente di leggere meglio, ad esempio in capannoni adibiti ad attività di logistica dove spesso l'incidenza della luce diurna è minima. Essendo disponibile con più pacchetti di lumen e ottiche orientate con la massima precisione al caso applicativo, l'apparecchio a LED per ambienti umidi Aragon Fit LED fornisce una luce che può essere adattata individualmente ai più svariati compiti visivi. Grazie alla speciale caratteristica di emissione a fascio largo concentrante di (P-N) & analog Aragon Fit LED, si possono quindi realizzare con particolare efficienza e con dispersioni ridotte le funzioni di illuminazione richieste in ambito di logistica o nell'industria alimentare (magazzini frigorifero). L'apparecchio è inoltre dimmerabile e, in alcune versioni, già equipaggiato con il sistema di gestione della luce LiveLink e i sensori richiesti. Questo permette un controllo dell'illuminazione mirato e a risparmio energetico.

Inoltre, degli speciali Use Case consentono di gestire con rapidità e senza complicazioni i sistemi di illuminazione, come ad esempio quello di un capannone di produzione, offrendo una gestione confortevole e riducendo al minimo i tempi di installazione. 

Grazie alla sua superficie liscia senza parti separabili e alla sua alta resistenza agli urti con protezione antischegge, Aragon Fit LED si adatta anche ad un impiego per illuminazione di strutture per la logistica e la produzione di generi alimentari.

Qual'è il contributo degli apparecchi di illuminazione alla sicurezza?

Come ognuno di noi avrà già ampiamente constatato, in luoghi bui con scarsa visibilità ci si sente meno sicuri che in ambienti ben illuminati. Questo vale anche per grandi capannoni di fabbriche, magazzini o parcheggi coperti. Un'adeguata illuminazione di base e una distribuzione della luce a fascio particolarmente largo  garantiscono sia orientamento sia ottima visibilità trasmettendo, al tempo stesso, una sensazione di sicurezza. Particolarmente convenienti sono, in questo caso, gli apparecchi Nextrema LED G3 e Aragon Fit LED. Essi possono essere controllati in modo mirato mediante appositi sensori, offrendo anche funzioni particolari come una luce che "accompagna" o " precede" la persona che si deve muovere in ambienti scarsamente illuminati. Gli apparecchi sono, inoltre, idonei per l'alimentazione in corrente continua e come tali possono essere impiegati con una batteria centrale escludendo quindi il pericolo di restare improvvisamente al buio nel caso venga a mancare la corrente. Grazie alla robustezza del loro corpo monoblocco, entrambi questi apparecchi della famiglia X-Range si prestano, in particolare, ad un impiego in capannoni adibiti alla produzione, in quanto privi di parti che potrebbero staccarsi andando a disturbare i processi di produzione o contaminando i prodotti.

In ambienti dove sono presenti degli agenti corrosivi che mettono a durissima prova gli apparecchi di illuminazione quali sono le soluzioni proposte da TRILUX?

Delle soluzioni di illuminazione idonee agli ambienti corrosivi, come quelli riscontrabili in magazzini per lo stoccaggio di pneumatici, in autolavaggi o in sedi di produzione industriale con vapori chimici, devono essere robuste potendo essere esposte a gas di ammoniaca e zolfo o solventi che attaccano lo strato di fosforo dei LED, provocando una degradazione prematura degli stessi. Ad una soluzione ottimale per questo tipo di applicazioni si chiede, quindi, di essere non solo efficiente in chiave energetica e performante ma anche assolutamente stagna. L'apparecchio X-Range proposto da TRILUX specificamente per l'impiego in questo tipo di applicazioni è Duroxo G2 LED Come tutti gli altri prodotti della serie, è estremamente robusto e, potendo contare su una durata utile di 100.000 ore (L80, ta 35°C), altamente affidabile. Duroxo G2 LED  presenta, inoltre, un'altissima resistenza agli urti (massimo IK 09).

Che tipo di supporto e quali servizi offre TRILUX ai progettisti e ai tecnici di installazione?

TRILUX si considera come un semplificatore dell'illuminazione che tiene fede alla sua promessa di facilità, sicurezza e orientamento in un mercato complesso come quello della luce. Forti di oltre 100 anni di esperienza in campo illuminotecnico e disponendo quindi di profonde conoscenze sul mondo dell'illuminazione e di uno specifico know-how tecnico, noi di TRILUX offriamo ai nostri partner e clienti, ma anche a tutti gli interessati, la nostra completa assistenza, ad esempio dando loro la possibilità di frequentare il nostro centro di formazione, la TRILUX Akademie. Il vasto programma didattico comprende, ad esempio, seminari sulla tecnologia LED e la progettazione di impianti di illuminazione o corsi di formazione su concetti illuminotecnici innovativi. Per architetti, progettisti illuminotecnici, tecnici di installazione e Facility Manager c'è inoltre la TRILUX Beleuchtungspraxis , un approfondito strumento di progettazione e documentazione da consultare.

Oltre alle direttive e alle norme previste dalla legge per il settore, qui si potranno trovare anche informazioni sull'illuminazione di interni ed esterni, sull'elettrotecnica, gli apparecchi e le lampade. Gli interessati potranno, inoltre, calcolare in modo semplice e rapido i potenziali di risparmio del loro progetto di ristrutturazione usando il calcolatore di efficienza, al link www.trilux.com/effizienzrechner.

Con Energy Monitoring e Light Monitoring, TRILUX offre da subito due servizi su base cloud in combinazione con LiveLink. In questo modo si possono monitorare i dati rilevanti per il consumo e i fattori di potenza dell'impianto di illuminazione. Del consumo energetico si può prendere visione gratuitamente già dopo la registrazione del sistema nella cloud di LiveLink. Non appena si dovessero verificare irregolarità nell'esercizio costatando la necessita di un intervento, si viene informati tramite notifiche push.

In tutti i progetti e servizi, TRILUX ha sempre sotto controllo l'edificio nel suo complesso. È quello che chiamiamo approccio "a tutto tondo". Questo significa che da noi potere ricevere soluzioni di illuminazione per interni ed esterni da un unico fornitore. Progettazione, tecnologia e la giusta gamma di soluzioni per interni ed esterni saranno quindi perfettamente sintonizzate.

Come si possono quantificare i potenziali di risparmio?

Mi si permetta di esporre i potenziali con un esempio di calcolo concreto: L'impianto di un parcheggio è dotato di 63 apparecchi convenzionali T8 da 66 Watt ciascuno, per una potenza di sistema totale di 4.818 Watt. Questi fanno registrare un consumo energetico annuo di 26.379 kWh/a che significa un costo dell'energia di 7.432 €/a. Trasformando invece l'impianto a tecnologia LED e dotandolo di 63 apparecchi Nextrema LED da 30 o 44 Watt ciascuno, si potrà ottenere un potenziale di risparmio energetico del 56 %. In dettaglio questo significa che la potenza di sistema totale scende a 2.142 Watt, il consumo energetico annuo si riduce di 14.651 kWh/a passando a 11.728 kWh/a e il costo dell'energia diminuisce di 4.128 €/a passando a 3.304. €/a. Utilizzando Nextrema LED abbinato ad un sistema di gestione della luce. il potenziale di risparmio è addirittura dell'81 %. Con una potenza di sistema totale di 2.142 Watt questo significa che, grazie al sistema di gestione della luce e alla tecnologia LED, il consumo energetico annuo diminuisce di 21.412 kWh/a passando a 4.967 kWh/a, comportando a sua volta una riduzione dei costi energetici del 6.033 €/a che a questo punto ammonteranno a 1.399 €/a.