Building Information Modeling (BIM)

BIM - sta rivoluzionando la progettazione edilizia.

Pianificazione, costruzione e gestione degli edifici: grazie al Building Information Modelling (BIM), tutti i dati rilevanti possono essere registrati, visualizzati e correlati a livello centrale. Il metodo supportato dal software va oltre i dati di base dell'edificio. Elabora anche i componenti dell'edificio, i materiali e i componenti integrati utilizzati, come gli apparecchi di illuminazione. Ciò consente una pianificazione precisa anche di progetti complessi e ha già reso il BIM uno standard in molti Paesi. In Germania, l'uso del BIM negli appalti pubblici diventerà obbligatorio dal 2020.

Il modello dettagliato di coordinamento dell'edificio viene arricchito di informazioni durante l'intero processo di pianificazione da parte di tutti i partecipanti al progetto e supporta così una migliore pianificazione, esecuzione e gestione dell'edificio. In questo modo è possibile determinare fin dall'inizio se il progetto può essere realizzato in modo realistico ed efficiente in termini di costruzione, tempi, materiali e pianificazione dei costi. L'attenzione è sempre rivolta a un obiettivo centrale: rendere i progetti di costruzione economici, efficienti dal punto di vista delle risorse e sostenibili attraverso processi di pianificazione integrale.

Antaggi per il cliente

Il metodo di pianificazione BIM consente a tutti i soggetti coinvolti nella costruzione di lavorare insieme in modo cooperativo sulla base di modelli professionali digitali 3D che contengono tutte le informazioni sull'edificio sotto forma di dati per tutti gli scopi. La pianificazione, la simulazione, la visualizzazione, il calcolo e la gara d'appalto sono elaborati digitalmente per la costruzione e il funzionamento dell'immobile e quindi trasparenti per tutte le parti coinvolte.

Lavoro di comitato e definizione degli standard BIM

TRILUX è impegnata attivamente nel BIM dal 2011 e partecipa al lavoro di standardizzazione dei comitati nazionali e internazionali.

Ampia gamma

TRILUX fornisce modelli di apparecchi di illuminazione da scaricare in formato REVIT per il metodo BIM.

Massima profondità di informazioni sul mercato

I set di dati TRILUX contengono la curva di distribuzione dell'intensità luminosa (LVK) e circa 30 caratteristiche del prodotto. Vengono mappati anche i modelli mobili e regolabili, come i faretti a binario.

Migliore qualità

TRILUX sfrutta appieno le possibilità offerte dai set di dati di Revit. In questo modo il progettista ottiene una qualità e una dimensione ottimali per l'applicazione BIM.

Set di dati per il Building Information Modellng (BIM) - Il portfolio

TRILUX fornisce modelli di apparecchi BIM per il suo portfolio di apparecchi in formato REVIT-Family-Files (*.rfa) e REVIT-Single-Files (*.rfa). Questi contengono molti parametri tecnici, alcuni dei quali, come la lunghezza dei pendenti, possono essere impostati dall'utente in modo specifico. Quando si utilizzano i file di famiglia, salvare i file *.txt nella stessa directory dei file *.rfa.

Modelli di apparecchi BIM scaricabili
dalle pagine dei prodotti (Illuminazione di interni)

Modelli di apparecchi BIM scaricabili
dalle pagine dei prodotti (Illuminazione di esterni)

FAQ

Building Information Modeling (BIM)

Dove posso trovare i modelli di progettazione degli apparecchi TRILUX BIM da scaricare sul sito web?

Il BIM è un software?

No, il BIM non è un software, il BIM è un metodo di pianificazione supportato da software nel processo edilizio. Le applicazioni software sono necessarie per vari casi d'uso del BIM, come la pianificazione, la simulazione, la visualizzazione, il calcolo e la gara d'appalto. È molto importante che, all'inizio del processo BIM, il software e la struttura informatica da utilizzare siano determinati nei requisiti informativi del cliente (AIA).

Qual è la differenza tra "Open BIM" e "Closed BIM"?

Una domanda importante, che deve essere chiarita all'inizio di ogni progetto BIM, perché su di essa si basano la scelta e l'uso del software "BIM" e, in ultima analisi, il formato di scambio dei dati tra i partecipanti al progetto.

"Closed" BIM:

  • Prodotti software di un unico produttore
  • Formati nativi* per lo scambio di dati
  • Formati aperti per la documentazione
  • Nessuna perdita di informazioni
  • Derivazione diretta dei piani dal modello complessivo

(*ad esempio *.rfa, *.rvt, *.gsm)

"Open" BIM

  • Prodotti software di diversi produttori
  • Formati aperti* per lo scambio di dati
  • Formati aperti per la documentazione
  • Perdita di informazioni (possibile)
  • Duplicazione di informazioni (piani)

(*ad esempio *.ifc, *:csv o *.gbXML)

Che cos'è un gemello digitale?

Un gemello digitale rappresenta l'immagine digitale di un oggetto fisico ed è quindi reso accessibile al mondo digitale, comprese le caratteristiche geometriche e alfanumeriche (attributi) tramite un'applicazione software per ulteriori scopi di utilizzo. Nel progetto di costruzione, un edificio viene gestito e aggiornato come un gemello digitale dalla pianificazione alla fine del suo ciclo di vita. A tal fine, fornisce informazioni complete e accurate per consentire decisioni e interventi migliori nel progetto di costruzione fisica.

Qual è la differenza tra "Face based" e "Level based"?

Il posizionamento di un oggetto o di un componente nel modello dell'edificio dipende da come è stato definito inizialmente e dall'orientamento della superficie a cui si fa riferimento nell'edificio.

TRILUX fornisce „Face-based Revit files“ come standard. Ciò significa che un modello di progettazione degli apparecchi di illuminazione basato su di esso può essere assegnato direttamente alla superficie selezionata nell'edificio (indipendentemente dal pavimento) con l'aiuto di una selezione diretta della superficie (parete, pavimento, soffitto, ...).

I modelli di progettazione degli apparecchi d'illuminazione come "Level-based Revit files" sono posizionati in un edificio quando vengono utilizzati al livello "0", indipendentemente dal piano in cui il modello di progettazione degli apparecchi d'illuminazione viene inserito. La posizione finale dell'apparecchio nell'edificio deve essere assegnata alle superfici selezionate in un'ulteriore fase di Revit.

Che cos'è un caso d'uso BIM?

Un caso d'uso BIM comprende tutti i possibili scenari che possono verificarsi quando una parte, ad esempio l'investitore, cerca di raggiungere un determinato obiettivo tecnico.

Due esempi:

  • Controllo delle collisioni basato su modelli
    Obiettivo: ridurre il rischio di costi nel progetto, risparmiare tempo, accelerare i processi decisionali. Unendo regolarmente i modelli tecnici, si possono individuare precocemente le collisioni o verificare in modo plausibile anche le scoperte edilizie trasversali.

  • Controllo delle costruzioni Scansione laser
    Obiettivo: aumentare la trasparenza e la tracciabilità, interpretazione della situazione "target/reale" pianificata e costruita. Controllo e documentazione dell'avanzamento dei lavori, confronto tra la pianificazione e il cantiere "come costruito", localizzazione di oggetti ostruiti.

Che cos'è il CDE?

L'abbreviazione CDE sta per Common Date Environment e crea un ambiente dati virtuale comune (DIN EN ISO 19650, VDI 2552 Foglio 5) come spazio di lavoro per l'archiviazione e l'organizzazione di dati e modelli tecnici nel processo BIM. Per il lavoro collaborativo e interdisciplinare, una piattaforma CDE basata su cloud offre a tutti i partecipanti l'accesso al progetto attraverso opzioni di comunicazione, archiviazione di documenti, tracciabilità delle attività, visione d'insieme dello stato di progettazione e quindi massima trasparenza. Con la futura transizione al livello di maturità BIM 3, il CDE (iBIM) dovrà essere utilizzato come applicazione in tempo reale per un singolo modello di edificio.

Applicazioni CDE:

  • BIM360 (Autodesk)
  • BIM+ (Allplan)
  • Trimble Connect (Trimble)
  • ConjectPM (Oracle Aconex AG)
  • Thinkproject

Cosa significa LoD?

LoD sta per „Level of Detail“ (livello di dettaglio), „Level of Development“ (livello di sviluppo) o „Level of Definition“ (livello di definizione).

Il livello di dettaglio o grado di completamento fornisce informazioni sulla precisione di modellazione geometrica richiesta per i componenti. Nei Paesi di lingua inglese si usa di solito l'acronimo LoD. Il requisito del LoD può cambiare a seconda delle fasi del progetto (da grossolano a fine). Una scala può essere rappresentata in queste caratteristiche da LoD 100, LoD 200, LoD 300, LoD 400, fino a LoD 500.

Che cos'è Lol / LoG?

LoI è l'acronimo di „Level of Information“ (livello di informazione)
LoG è l'acronimo di „Level of Geometry“ (livello di geometria)

Per descrivere il contenuto informativo separatamente in base alle informazioni geometriche e alfanumeriche del modello, in questo contesto si utilizzano anche gli acronimi LoG e LoI. Il LOI descrive il livello di informazione di un oggetto registrato nel modello dell'edificio o in un database BIM. Con il progredire del progetto, questa precisione continuerà tipicamente ad aumentare. Il LoI descrive la densità di informazioni di un oggetto, che può consistere in documenti alfanumerici o supplementari (come le istruzioni per l'uso). L'assegnazione di quale LoI viene utilizzato quando deve essere regolata nelle specifiche; se necessario, ciò può essere fatto fino al livello di attributo. In queste caratteristiche si può rappresentare una scala da LoI/LoG 100, LoI/LoG 200, LoI/LoG 300, LoI/LoG 400, fino a LoI/LoG 500.

Che cos'è la LoIN?

LoIN sta per „Level of information needed“ (Livello di informazioni necessarie)

Il concetto di LoIN o profondità dei requisiti informativi sostituisce i precedenti concetti di LoD e LoI (DIN EN 17412-1: 2021-06 e ISO 19650-1:2019-08). È suddiviso in requisiti informativi geometrici e alfanumerici, compresa la documentazione allegata richiesta. Il LoIN considera una gestione olistica delle informazioni che tiene conto dell'intero ciclo di vita dell'edificio e si limita alle informazioni fondamentalmente necessarie.

  • DIN EN 17412-1: 2021-06 - Building information modelling - Requisiti di profondità delle informazioni - Parte 1: Concetti e principi
  • ISO 19650-1:2019-08 - Organizzazione e digitalizzazione delle informazioni su strutture e servizi di ingegneria, il Building Information Modelling (BIM) - Gestione delle informazioni con BIM - Parte 1: Termini e principi.

Che cos'è l'IFC?

IFC è l'acronimo di "Industry Foundation Classes" ed è un formato standard aperto e liberamente utilizzabile da tutti, simile a PDF o HTML. I file IFC contengono dati geometrici che definiscono l'aspetto degli oggetti, ma anche importanti informazioni sui componenti, come i valori energetici, la protezione antincendio, l'uso, i dati del produttore e simili.

L'IFC viene sviluppato e perfezionato sotto l'egida di buildingSMART. La versione più diffusa è IFC2x3 e dalla versione attuale IFC4 è uno standard ISO ufficiale.

L'IFC è un elemento importante di open BIM. I partecipanti al progetto possono scambiare dati con esso se la loro applicazione software supporta l'importazione e l'esportazione di IFC. Attualmente i modelli di apparecchi di illuminazione IFC richiedono ancora uno spazio convertito per il trasporto/scambio, motivo per cui non vengono forniti modelli di apparecchi di illuminazione in formato IFC.

Vantaggi del BIM

Invece di accumulare nuove informazioni ogni volta durante la pianificazione dei diversi lavori, come nei metodi di pianificazione convenzionali, i dati vengono accumulati continuamente durante l'intero periodo del progetto. La qualità dei dati è estremamente elevata, in quanto tutti i dati vengono ricondotti a un database comune e sono costantemente sincronizzati.

  • Il BIM è tridimensionale e orientato agli oggetti
  • Il BIM è trasversale a tutti i mestieri dell'edilizia
  • Il BIM documenta l'intero ciclo edilizio
  • Il BIM consente di risparmiare sui costi grazie a una pianificazione e a una documentazione efficienti

Elevata profondità dei dati

I modelli di apparecchi TRILUX BIM sono multidimensionali e contengono dati e informazioni rilevanti sulle proprietà del prodotto:

  • Geometria: dimensioni
  • Tecnologia di illuminazione: sorgente luminosa, alimentatore, flusso luminoso [lm], temperatura del colore [K], indice di resa cromatica [CRI], distribuzione della luce (Codice CENFlux)
  • Ingegneria elettrica: punti di alimentazione, potenza assorbita [W], classe di isolamento
  • Materiali: colori, peso dell'apparecchio
  • Informazioni per l'ordine: (TOC, TK) ad esempio per la derivazione in un elenco di componenti, URL per schede tecniche, istruzioni di montaggio, immagini del prodotto

file REVIT per BIM sono disponibili in due versioni:

  • REVIT-Family-File: Informazioni di un'intera serie in un unico file. Quando si utilizzano i file di famiglia, conservare i file *.txt nella stessa directory dei file *.rfa.
  • REVIT-Single-File: singolo tipo di apparecchio (è possibile l'importazione e l'utilizzo in altri software BIM)

La visualizzazione dell'illuminazione è possibile grazie all'elevata profondità di dettaglio, alla curva della distribuzione della luce e al colore della luce

BIM - È iniziato il metodo di pianificazione del futuro

Nei modelli edilizi altamente informativi, non solo tutte le parti della struttura dell'edificio, ma anche tutti gli altri oggetti (luci, mobili, accessori elettrici, attrezzature speciali, ecc.) sono registrati con le loro proprietà e interconnessi. Il vantaggio speciale del BIM è la disponibilità costante di tutte le informazioni rilevanti sullo stato del progetto edilizio. Ad esempio, è possibile produrre in qualsiasi momento elenchi di parti, che vengono aggiornati automaticamente quando i componenti vengono sostituiti o cambiati. Allo stesso modo, è possibile richiamare in qualsiasi momento lo stato attuale dei costi effettivi e pianificati, nonché il programma aggiornato.

LIGHT+BUILDING 2024 Dove c'è luce, c'è vita.
3 - 8 marzo 2024 Padiglione 5.1, Stand B30 Ottieni il tuo biglietto